Parenticidio

Alzi la mano chi, in questi giorni di festa, non ha pensato almeno una volta di ritirarsi con i monaci tibetani per sfuggire alle pletore di parenti e regali indesiderati. Per quanto mi riguarda ho deciso che l’anno prossimo comunicherò alla famiglia di avere la turbercolosi un giorno prima di Natale.

E dire che era la mia festa preferita. Fare l’albero, infornare dolci che una volta vengono decenti e una volta sono buoni per tirarli ai lampioni, guardare film orrendi, fare regali. Quest’anno ho abdicato. Non ce la faccio più e non sopporto più nessuno, darei un rene per 48 ore di fila di solitudine.

Ovviamente la situazione è aggravata dalla presenza della piccola infame, che non solo è l’attrazione principale per la quale mi ritrovo gente in casa a qualunque ora del giorno, anche se sono in pigiama/nuda/spettinata/con la tetta di fuori ma gode come un umpa lumpa col diabete nell’essere al centro dell’attenzione.

Oooohhh ma come è cresciuta! Ooooohh ma come sta bella dritta! Oooohh ma che bei versi che fa! Ooooohhhoooohh eccetera eccetera, e quella si gongola di tutte le attenzioni, salvo poi incazzarsi quando rientriamo finalmente a casa e non ha più pubblico ad applaudire le sue nefandezze.

Ogni giorno salta fuori una nuova visita. E se provo debolmente a replicare “Magari passo per il caffè”, mia mamma se ne esce con l’occhiata assassina e la frase “Eh ma vengono per conoscere la bambina!”. Ormai è l’attrazione principale di entrambe le nostre famiglie, dove nessuno ha procreato negli ultimi vent’anni.

Inizio a capirne il motivo.

 

Photo credit: Kevin Dooley via flickr

Annunci

3 thoughts on “Parenticidio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...